Giava e Sulawesi INDONESIA

Una spedizione che ci permette di entrare in contatto con realtà culturali ed ambientali estremamente diverse, panorami spettacolari e magnifiche scenografie naturali, splendidi monumenti e opere d’arte, espressione di grandi civiltà e antiche tradizioni di popolazioni diverse. Un mondo da conoscere e scoprire accompagnati da ROSSANNA VIRGOLIN

Tour
Partenza 04/08 2.990 €

“Selamat Pagi” Giava e Sulawesi
viaggio tra cultura, templi, popoli e scenari naturali
dal 4 al 20 agosto
Quota Base 2.990 euro
viaggio di 17 giorni

estensione Lombok (4 giorni) 400 euro
dal 20 al 24 agosto

per conferme entro 15 marzo SCONTO di 200 euro
in compagnia di Rossanna Virgolin
Minimo 7 partecipanti + tour leader

Scoprire l’Indonesia, un immenso arcipelago vistando le due perle Giava e Sulawesi e per chi desidera l’affascinante isola di Lombok, ancora poco frequentata dal turismo di massa. L’itinerario ci permette di entrare in contatto con realtà culturali ed ambientali molto diverse: panorami spettacolari e magnifiche scenografie naturali, splendidi monumenti e opere d’arte, espressione di grandi civiltà e antiche tradizioni di popolazioni diverse.
Il viaggio inizia con l’isola di Giava visitando monumenti straordinari che testimoniano la grande spiritualità del popolo indonesiano come l’imponente tempio di Prambanan ed il mandala di Borobudar, il più vasto insieme di bassorilievi buddisti al mondo che riassumono tutta la cosmologia buddista (UNESCO). Si ammireranno anche luoghi naturali suggestivi considerati tra i più belli del paese, come il vulcano attivo Bromo che alle prime luci dell’alba si mostra in un caleidoscopio di colori, un panorama spettacolare in un magnifico altipiano disseminato di savane e vulcani. Salendo il Kawah Ijen si potrà assistere al fenomeno della lava di colore blu conosciuto con il nome “blue fire”, unico posto al mondo oltre all’Islanda dove si può osservarlo. La vista sul lago di acqua verde blue nella caldera del vulcano è spettacolare. Raggiungeremo poi in aereo l’isola di Sulawesi, che offre un paesaggio variegato, tra risaie a terrazza, foreste tropicali, montagne scoscese, laghi e magnifiche spiagge. Qui potremmo vivere un’altra esperienza unica incontrando i membri dell'etnia Toraja che vivono in una magnifica regione in piccoli villaggi arroccati su colline, tra aspre rocce, profondi valli e spettacolari risaie. Un ambiente di straordinaria bellezza. Le loro case imponenti hanno tetti altissimi a forma di antiche imbarcazioni. I Toraja le cui origini sono avvolte da miti e leggende sono ancora saldamente ancorati alle antiche tradizioni animiste del culto Aluk to dolo . La loro cultura unica è caratterizzata dal culto per i defunti e da riti funebri particolarissimi accompagnati da danze rituali e sacrifici di animali. I luoghi di sepoltura sono scavati in alte parete rocciose abbellite dai tau-tau, statue di legno dipinte. Visiteremo poi l’interessante oasi-santuario del Lago Tempe, sulle cui acque vive una comunità su capanne galleggianti. Infine un piacevole relax sulla splendida spiaggia tropicale di Bira, incorniciata da un mare di acque smeraldine. Passeggiate sulla spiaggia oppure snorkeling sull’isola di Liukang prima di rientrare in Italia.
Chi prosegue il viaggio prenderà il volo per Lombok, isola di origine vulcanica famosa per la natura varia ed incontaminata: il verdissimo entroterra con foreste, piantagioni di tabacco e risaie terrazzate, spiagge paradisiache, un mare cristallino con fondali corallini e pesci tropicali. Si visiteranno i villaggi rurali dell’etnia dei Sasak, popolazione autoctona di Lombok che vive in villaggi tradizionali ancora remoti dove la vita scorre lentamente, secondo le tradizioni di un tempo.

finchè c'è volonta, c'è una via
(provverbio indonesiano)

1° GIORNO venerdì 4 agosto Italia - Jakarta
Partenza da aeroporti Italia per Jakarta con scalo intermedio  a seconda della compagnia area.  

2° GIORNO sabato 5 agosto Jakarta, Yogyakarta
Arrivo a Jakarta, capitale di Java che ha il maggior numero di abitanti, una storia interessantissima e dove si trovano circa 120 vulcani dei quali molti ancora attivi. Le popolazioni ed i regni che nei secoli si sono succeduti hanno lasciato un notevole retaggio culturale che ha prodotto forme d’arte e architetture uniche. Yogyakarta, situata alle pendici del vulcano Merapi fu un importante centro artistico, culturale e religioso  ed è  circondata da templi buddisti e induisti e palazzi islamici. Dopo aver espletato le formalità d’ingresso e ritirato il bagaglio  accoglienza in aeroporto dalla guida  e trasferimento  presso  l’hotel Ibis Hotel Malioboro  o similare.

3° GIORNO domenica 6  agosto Yogyakarta
Giornata intera dedicata alla visita di Yogyakarta. Iniziamo con  la grandiosa città-fortezza  Keraton, palazzo reale del sultano situata nel cuore della città, un intreccio di vicoli su cui affacciano case tinteggiate di bianco, per proseguire con il Tamari Sari (water castle), un complesso dotato di passaggi sotterranei e stanze segrete, piscine e deliziosi giardini, che una volta era il luogo intimo di piacere del sultano e della sua corte. Si prosegue con la visita del museo Sonobudoyo. Infine  esploreremo il “mercato degli ugelli” ed  il  piccolo sobborgo storico Kota Gede dove gli artigiani che ancora oggi lavorano il batik e l’argento tramandano mestiere e botteghe di generazione in generazione. Si prosegue con la visita  del magnifico tempio Kalasan e infine al tramonto del monumentale tempio Hindu del IX secolo Prambanan Temple, che si compone di oltre 200 edifici e otto templi che sorgono nel cortile centrale: i tre principali sono dedicati a Shiva, Vishnu e Brahma e, di fronte, tre templi minori sono dedicati alle loro “cavalcature”, rispettivamente il toro, l’oca e il mitico uccello di Visnu: Garuda. I pannelli in pietra con rilievi di straordinaria precisione ed eleganza rappresentano parti del Ramayana, uno dei più grandi poemi epici della mitologia induista. Si cenerà al Prambanan Temple assistendo ad uno spettacolo di danze tradizionali che riprendono il tema epico del Ramayana  dell’eterna  lotta tra il bene ed il male, accompagnate dal lento ritmo del gamelan, una musica tipica giavanese. Pernottamento presso  l’hotel Ibis Hotel Malioboro  o similare.

4° GIORNO lunedì 7 agosto Yogyakarta
Dopo la prima colazione partenza per raggiungere dopo circa un’ora Borobodur, un grande tempio buddhista composto di oltre due milioni di blocchi di pietra e concepito come la visualizzazione della cosmologia buddhista. Fu costruito alla fine del sec. VIII   ossia tre secoli prima di Angkor Wat in Cambogia, ma fu riscoperto circa cento anni fa e finito di restaurare negli anni 70.  E’ uno dei monumenti più grandi e imponenti mai costruiti dall’uomo, integrato nella splendida cornice dei monti Menoreh. Al suo interno vi sono 504 statue buddiste considerate le più belle al mondo, stupa e sei chilometri di pietre scolpite in rilievo che rievocano la vita e gli insegnamenti del Buddha. Si può affermare che il Borobodur  è una “preghiera in pietra”. Si prosegue con la visita del tempio di Mendut, con tre statue giganti squisitamente decorate e ben conservate e del piccolo tempio Candi Pawon sulle rive del fiume, dedicato al dio della fortuna, Kuvera. Rientro in albergo e pernottamento presso   l’hotel Ibis Hotel Malioboro  o similare.

5° GIORNO martedì  8  agosto  Yogyakarta – Solo ( 65 km)
Dopo la prima colazione alle 6.30 si parte per Solo, città un tempo chiamata Surakarta, una delle antiche capitali dell’impero. Con i suoi bei palazzi storici ed i vivaci mercati si contende con Yogyakarta il primato della cultura di Giava. Fu ed è ancora oggi un importante centro culturale (musica, danza e altre arti tradizionali come la tessitura di rinomati batik). Visiteremo il tempio Kasumanan cioè il Palazzo del Sultano, che è il più importante edificio della città. Nel lontano 1745 il sultano Pakubuwono II fece trasportare in processione tutti gli arredi reali nel nuovo palazzo (ivi inclusi gli alberi interrati nel precedente giardino) in un solo giorno. Si prosegue con la visita del vecchio mercato delle pulci. Lasciamo Solo per immergerci nella campagna circostante e scoprire il tempio di Candi Sukuh a 36 km dalla città di Surakarta un tempio giavanese-induista che risale al XV secolo. I bassorilievi del tempio sono diversi da quelli degli altri templi e i temi sviluppati sono la vita prima della nascita.
L’edificio  principale è una struttura a piramide con bassorilievi e statue nella parte frontale. Un lingga di quasi due metri con quattro testicoli è una delle statue che è stata collocata nel Museo Nazionale. Questo fu l’ultimo tempio importante costruito a Giava prima che la corte reale si convertisse all’Islam nel XVI secolo. Il fondatore di Candi Sukuh riteneva che le pendici del monte Lawu fossero un luogo sacro per venerare gli antenati e gli spiriti della natura e per osservare i culti della fertilità. Il monumento fu costruito nel 1437 durante il Regno Majapahit. Merita una visita anche il Candi Ceto che risale allo stesso periodo del Candi Sukuh e anch’esso combina elementi dello shivaismo e del culto della fertilità, ma è di maggiori dimensioni, articolato su una serie di terrazze che salgono fino alla collina. Insieme a Sukuh è considerato tra i templi più antichi di Giava, sorti quando già l’Islam si stava diffondendo in tutta l’isola. Nei dintorni dei templi, si trovano diverse piantagioni di tè, introdotte dalla dominazione olandese. Pernottamento presso l’Indah Palace o similare.

6° GIORNO mercoledì 9  agosto Solo e Cremara Lawang Bromo (400 km)
Al  mattino presto dopo la prima colazione partenza per affrontare una lunga tappa di trasferimento con la possibilità di fare un piccolo trekking alle cascate di Madakaripura  (opzionale). All’arrivo check-in nel migliore albergo disponibile nella zona, il  Lava View Hotel Bromo.

7°GIORNO giovedì 10 agosto  Cremara Lawang Bromo, Monte Bromo, Bondowoso.  
Escursione al Monte Bromo, uno dei tre vulcani che sorgono nell’antica caldera del Tengger, dell’ampiezza di dieci chilometri di diametro. Vulcano attivo è considerato uno dei più affascinanti di Java grazie alla sua ubicazione in un ambiente naturale di straordinaria bellezza. Si parte prestissimo prima dell’alba in jeep in direzione del  punto panoramico Pananjakan, (2.770 metri) per poter ammirare il sorgere del sole sul massiccio del Tennegger e rimanere meravigliati dagli splendidi colori che illuminano gradualmente il monte Bromo ed i vulcani vicini, il Gungun Kuri e il Gungun Batok.
In jeep si attraversa poi un’immensa pianura sabbiosa, chiamata Laotian Pasir per raggiungere le pendici del Monte Bromo. Da qui è possibile salire sul bordo del cratere raggiungendo a piedi (oppure a cavallo dietro pagamento di un supplemento) la base del monte per poi salire sulla sommità percorrendo una salita di scalini scavati nella roccia per osservare l’attività vulcanica al cratere fumante. Dal cratere del monto Bromo la vista della caldera fumante è spettacolare. Rientrati in albergo faremo  la prima collazione prima di affrontare il trasferimento a Bondowoso. Check in un albergo vicino al villaggio Sempol,  hotel Ijen View Bondowoso o similare.

8° GIORNO venerdì 11 agosto  Bondowoso, Kawah Ijen e Surabaya
Sveglia nel cuore della notte (prima colazione al sacco) per affrontare il trekking al cratere Kawah Ijen dove arriveremo dopo un’ora e mezza di percorso attraversando diversi scenari naturali, tra piantagioni di caffe e teak. E’ necessario arrivare prestissimo al mattino per assistere al fenomeno del fuoco blu. Il  Kawah Ijen è l’unico posto al mondo oltre all’Islanda dove osservarlo. Una ripida discesa, tra lavoratori che trasportano pesanti carichi di zolfo sulle spalle, permette di raggiungere il punto esatto in cui, dalle fessure del terreno, si sprigionano gas ricchi di zolfo che al contatto con l’aria danno vita a fiamme di colore blu fosforescente. Si attende l’alba che come per magia fa materializzare un grande lago dalle acque turchesi circondato dalle ripide pareti del vulcano, una vista panoramica spettacolare. Rientro all’albergo per fare una doccia  prima di affrontare la trasferta a Surabaya. Check in presso la semplice guesthouse Sinar vicino all’aeroporto.   

9° GIORNO sabato 12 agosto  Surabaya aeroporto – UjungPandang - Rantapeo
Al mattino trasferimento all’aeroporto di Surabya per prendere il volo per Ujung Pandang, oggi ribattezzata Makassar e capitale dell’isola di Sulawesi dove incontreremo la guida locale. Makassar fu il centro commerciale dominante dell’Indonesia orientale. I re makassaresi mantennero una politica di libero scambio, insistendo sul diritto di qualsiasi visitatore di fare affari nella città e rifiutando il tentativo degli olandesi di stabilire un monopolio su di essa. In passato la penisola sud-occidentale era divisa in numerosi piccoli regni, i più potenti dei quali erano quello makassarese di Gowa e quello bugis di Bone. Il commercio delle spezie era preminente nella storia di Sulawesi e comportò frequenti dispute tra i nativi e le potenze straniere per il suo controllo durante il periodo coloniale, quando le spezie erano molto ricercate in occidente. I primi europei a stabilirvisi furono i marinai portoghesi che, quando arrivarono a Makassar, trovarono un fiorente porto cosmopolita dove, cinesi, arabi, indiani, siamesi, giavanesi e malesi venivano a scambiare i loro prodotti di metallo e i tessuti con perle, oro, rame, canfora e spezie. Nel XVII secolo arrivarono gli olandesi  che nel 1667 conquistarono il forte di Makassar e stabilirono l’egemonia sul commercio delle spezie. Una lunga tappa di trasferimento di circa 8 ore in minibus ci porterà nella terra remota dei Toraja negli altopiani centrali.  Attraverseremo uno spettacolare paesaggio facendo diverse soste panoramiche e visiteremo il tipico villaggio Bugis  con le particolari case su palafitte.  Nel tardo pomeriggio arriveremo a  Rantapeo, check in presso l’albergo Torsina.

10° GIORNO domenica 13 agosto regione dei  Toraja  
Due intere giornate dedicate alla scoperta della cultura, dei villaggi, del culto dei morti e dei luoghi di sepoltura dei Toraja,  chiamati “gente dell’altopiano” nella lingua Bugis. La cultura di questo popolo è caratterizzata dal rito funebre, indice anche dello stato sociale del defunto: di solito vengono celebrati due funerali, uno subito dopo la morte e un altro più sontuoso non appena la famiglia è riuscita a risparmiare il denaro necessario. Più importante è il defunto, più alto il numero di bufali che si devono sacrificare.
Il rito funebre caratterizzato da danze tradizionali e sacrifici animali, è un evento sociale  che dura diversi giorni. I Toraja credono che sia possibile portare i propri averi nell’aldilà quindi i defunti  vengono generalmente sepolti con molti oggetti di valore nelle caverne o dentro nicchie scavate nelle pareti rocciose. Questi luoghi di sepoltura sono abbelliti da statue in legno dipinte di grandezza quasi naturale, Tau-Tau, realizzate da artisti locali. Poste in balconate scavate nella roccia a guardia dell’ingresso delle grotte le statue  indossano i vestiti del defunto e ritraggono fedelmente i suoi tratti sommatici. Visiteremo  le tombe di Lemo scavate nella parete rocciosa anche ad altezze notevoli, si prosegue poi con la visita delle tombe della famiglia reale a  Suaya. A piedi raggiungeremo Kambira,  luogo di sepoltura dei bambini scomparsi prematuramente. Le salme dei piccoli sono  tumulati in un albero gigante secolare all’interno di cavità sigillate con pezzi di corteccia  in modo che permettono all’albero di continuare a crescere ed ai bambini di diventare parte del tronco. Attraversando uno dei paesaggi più belli della regione si raggiunge in villaggio tradizionale Kete Kesu. Visiteremo la grotta sepolcrale naturale di Londa con  gli incredibili Tau – Tau posti anche fino a 50 mt di altezza. Nel tardo pomeriggio si rientra in albergo a Rantepao.

11° GIORNO lunedì 14 agosto regione dei Toraja
Dopo la prima colazione si parte in direzione nord della regione per visitare il villaggio Palawa  un antico insediamento dove potremmo ancora ammirare le antiche ed imponenti   case tradizionali dei Toraja che hanno oltre 400 anni, la cui forma  bizzarra ricorda  le prue e poppe di navi (chiamate tongkonan); esse ricordano l’autorità delle antiche famiglie nobili, i cui discendenti detengono il diritto esclusivo di costruirle e simboleggiano anche l’unità del clan. E' il luogo dove si riunisce la famiglia e non può essere comprata né venduta. Le case sono tutte rivolte verso nord e  sono costruite senza fare uso di chiodi: le travi sono incastrate tra loro e sorrette da grandi pali decorati con vere corna di bufalo. Maggiore è il numero di corna, più alto è il rango della famiglia. Le case hanno sempre di fronte una fila di magazzini per il riso, orientati verso sud. Si prosegue  attraversando un paesaggio spettacolare. Con una breve passeggiata raggiungeremo Batutumonga da dove si può avere una magica vista panoramica sulla vallate e sulle risaie terrazzate. Sosta a Bori, un vecchio sito con tombe megalitiche, usato come area sacrificale di bufalo.
Pernotteremo in una casa di un villaggio Toraja ( sistemazione in camere doppie e servizi esterni) per poter osservare da vicino  scene di  vita quotidiana di questa popolazione come per esempio la preparazione dei pasti. Ceneremo con loro.
Nota bene le cerimonie funerarie si svolgono normalmente nei mesi agosto e settembre (escluse le giornate di sabato e domenica). Affidandoci alla guida cercheremo di includere nel programma la partecipazione  ad un rito funerario. Inoltre si includerà anche la visita di un mercato tradizionale.

12° GIORNO martedì 15 agosto Toraja - Sengkang e Lago Tempe
Dopo la prima colazione nella casa Toraja partiremo alla volta di Sengkang facendo diverse soste lungo il percorso. Nel pomeriggio raggiungeremo  il piccolo centro  Bugis di Sengkang, affacciato sullo splendido lago Tempe. Il popolo bugi è il principale ceppo etnico della parte sud di Sulawesi. Sengkang fu capitale di un antico regno e mantiene  ancora antiche tradizioni come, per esempio, la tessitura della seta. A bordo di una   canoa a motore faremo un giro sul grande lago, circondato da paludi e popolato da molti uccelli. Potremmo osservare lo stile di vita delle comunità che vivono su capanne galleggianti, dedicandosi alla pesca e all’idrocoltura. Visiteremo poi un centro artigianale di tessitura della seta.
N.B. opzionale: visita al museo di Andi Mappa Sisi  che offre la possibilità approfondire la cultura e la storia del  regno dei Bugis.
Pernottamento presso l’albergo BBC Hotel a Sengkang.

13° GIORNO  mercoledì 16 agosto Sengkang e Bira
Dopo la prima colazione partenza in direzione Tanjung Bira. Attraverseremo alcuni villaggi  tipici tipo Bungi - Makkasar e lungo il percorso faremo diverse soste fotografiche vista la bellezza del paesaggi. Raggiungeremo poi sulla costa meridionale di Sulawesi il  villaggio di pescatori di Tanah Beru, una delle località più rinomate in Indonesia per la costruzione di perahu e pinisi, le tipiche ed enormi imbarcazioni a vela che gli abili maestri d’ascia  bugi realizzano in legno da generazioni. Nel pomeriggio raggiungeremo infine Tanjung Bira, un luogo paradisiaco. Tempo libero da trascorrere in spiaggia assistendo ad un tramonto spettacolare. Pernottamento presso Anda Bungalows.

14° GIORNO giovedì 17 agosto  Bira, Isola Liukang Loe e Bira
Intera giornata a disposizione per il relax nella località di mare  Bira. Potrete praticare attività balneari, fare piacevoli passeggiate, bagni di sole sulla spiaggia soffice di fine sabbia bianca o  nuotare  nelle splendide acque limpide e cristalline. Rientro a Bira nel pomeriggio e pernottamento presso Anda Bungalows.

15° GIORNO venerdì 18 agosto Tanjung Bira, Makkassar airport - Jakkarta  
Prestissimo al mattino prima colazione per poi affrontare il  lungo trasferimento per l’aeroporto di Makassar (circa 8 ore) per prendere il  volo di linea per Jakarta. All’arrivo trasferimento al  Hotel FM7  vicino all’aeroporto.  
 
16° GIORNO  sabato 19 agosto  Jakarta - Italia  
Dopo la prima colazione trasferimento in aeroporto a Jakarta e volo di rientro in Italia. A seconda della compagnia aerea e della destinazione  in Italia rientro il giorno 19 o il 20 agosto.

17° GIORNO  domenica  20 agosto arrivo in Italia.

ESTENSIONE LOMBOK
15° GIORNO venerdì 18 agosto Ujang Pandang Airport – Lombok  
Volo per Lombok. Accoglienza dalla guida  all’arrivo all’aeroporto di Lombok e trasferimento in hotel. Puri Saron o similare

16° GIORNO  sabato 19 agosto  Senggigi,  Baun Passuk, Pasar Lendang Bajur, Gunun Sari, Tete Batu, Lovok
Si visteranno i magnifici scenari della parte centrale e orientale di Lombok facendo sosta nei remoti villaggi Sasak dell’entroterra, abitati da gente ospitale e gentile poco abituata al contatto con i turisti.  Dopo la prima colazione si parte per attraversare la foresta di Baun Pasuk dove incontreremo le scimmie nere. Prima tappa è il mercato locale del villaggio Pasar Lendang Bajur. Si prosegue in direzione del villaggio Gunung Sari famoso per la lavorazione del bambù. Infine raggiungeremo la bellissima località di  Tete Batu, località ai piedi del Vucano Ranjani nella parte sud del Rinjani National Park. E’ un ambiente rurale incontaminato di grande bellezza caratterizzato da interminabili risaie terrazzate, piantagioni di tabacco e peperoncino. Accompagnati dalla guida locale attraverseremo una fitta  foresta  di alberi di mogano, banani e bambù per raggiungere dopo circa 45 minuti di camminata la  spettacolare cascata di Jukut,  alta circa 40  metri. Durante il viaggio di rientro si farà sosta al villaggio di Loyok, rinomato per la  produzione dei cestini. Pernottamento presso l’hotel Puri Saron o similare.

17° GIORNO domenica  20 agosto  Senggigi, villaggi  Sasak e spiagge  del sud
Dopo la prima colazione si approfondirà la conoscenza della cultura e dell’artigianato dell’etnia  Sasak, popolazione autoctona di Lombok. Prima tappa è il villaggio tradizionale  di  Sukarara  famoso per la tessitura: qui gli abitanti vestono gli abiti tradizionali di Lombok e potrete ammirarli al lavoro sull’Ikat, il tessuto prodotto sui telai di vecchio tipo che, attraverso le generazioni di tessitori, ha faticosamente creato il bellissimo design di coperte e tessuti. Si procede con la visita del villaggio tradizionale di  Rambitan  con  case con il tetto di  paglia di riso  ed il  pavimento con sterco di mucca. Infine si  percorrerà la  costa del sud  dove si  susseguono promontori, splendide insenature e  spiagge ,  come la bianca Kuta Beach, la bella spiaggia Mawun circondata da palme, ed infine la spettacolare spiaggia Selong, una lunga e candida distesa di finissimi granelli, delimitata da imponenti formazioni di roccia all'orizzonte. Concluderemo la giornata con la visita del villaggio tradizionale di Banyumulek, famoso per i manufatti in  terracotta.
Rientro presso l’albergo Puri Saron o similare
N.B  è possibile sostituire questa gita in con altra escursione via terra con almeno due persone .

18° GIORNO  lunedì  21 agosto  Senggigi,  Tawun,  isole  Gili del sud e Senggigi
Le piccole e quasi disabitate  isole tropicali Gili del sud, Gili Nanggu, Gili Sudak e Gili Kedis, sono un luogo ideale per gli amanti dello snorkeling per esplorare fondali corallini,  pesci ed una flora marina spettacolare, ma anche per chi ama  attività balneare o passeggiate sulle spiagge bianchissime bagnate da acqua color turchese. Partenza  dopo la prima colazione per raggiungere il porto di Tawun facendo soste panoramiche lungo la  bellissima e panoramica costa. A Tawun si prenderà la barca che in 15 minuti ci porterà all’isola di Gili Nanguu. Pranzo a basa di pesce nell’unico ristorante dell’isola Gili Sudak . Nel tardo pomeriggio rientro in albergo. Puri Saron o similare

19° GIORNO martedì  22 agosto  Lombok - Jakarta
Trasferimento in aeroporto a Lombok per il volo per Jakarta. Trasferimento all’ albergo  Hotel FM7 vicino all’aeroporto di Jakarta  e pernottamento.

20° GIORNO mercoledì  23 agosto  Jakarta- Italia
Trasferimento in aeroporto  a Jakarta e volo di rientro in Italia. A seconda della compagnia aerea e della destinazione  in Italia rientro il giorno 23 o il 24 agosto.

21° GIORNO giovedì  24 agosto  arrivo in Italia.

 

Quota Base Giava e Sulawesi  2.990 euro
Supplemento estensione Lombok 400 euro
per conferme entro 15 marzo sconto di 200 euro

QUOTA COMPRENDE
programma GIAVA e SULAWESI
Voli di linea intercontinentali  da Milano, Venezia o Roma
Voli interni operati da Garuda
Trasporti via terra con minibus  A/C
Pernottamento B/B in alberghi 3 stelle o guesthouse  a Giava
Escursione in jeep per il Monte Bromo
Visite ed escursioni come da programma
Sistemazione in camera doppia negli hotel previsti dal programma
Accompagnatore dall’Italia con minimo 7 iscritti
Autista e  guide locali di lingua inglese
Escursioni in canoa motorizzata nel lago Tempe  e in barca  all’isola Liukang Loe
Permessi di ingressi ai parchi, monumenti, templi e  musei.
Spettacolo e cena al Prambanan Temple
Trasferimenti
I pasti come da programma
Assicurazione medico bagaglio

programma LOMBOK   
Autista e  guide locali di lingua inglese
Auto ( fino a 4  partecipanti ) o minibus  con più di 5 partecipanti


QUOTA NON COMPRENDE
Tasse aeroportuali 350 euro
Assicurazione Annullamento  72 euro
Mancia suggerita 40 euro
Bevande
Biglietti per l’utilizzo della fotocamera/video dove richiesti
Equipaggiamento per immersioni/snorkeling
Trasporto con cavallo nell’escursione Bromo ( circa 11 euro)

SUPPLEMENTI
Partenze da altri aeroporti SU RICHIESTA
Camera singola 380 euro

PENALI ANNULLAMENTO
25% della quota di partecipazione fino a 90 gg di calendario prima della partenza
50% della quota di partecipazione da 89 a 60 gg di calendario prima della partenza
90% della quota di partecipazione da 59 a 30 gg di calendario prima della partenza
100% della quota di partecipazione dopo tali termini

 

venerdì 4 agosto  volo Italia – Jakarta
sabato  5 agosto volo Jakarta –Yogyakarta
domenica 6 agosto  Yogyakarta e Solo
lunedì 7 agosto  Yogyakarta e Prambanan
martedì 8 agosto Yogyakarta
mercoledì 9 agosto  Solo, Cremara Lawang Bromo
giovedì 10 agosto  Cremara Lawang Bromo, Monte Bromo e Bondowoso
venerdì 11 agosto  Bondowoso, Kawah Ijen e Surabaya
sabato 12 agosto   Surabaya – Rantapeo volo
domenica 13 agosto regione dei Toraja  
lunedì 14 agosto regione dei  Toraja
martedì 15 agosto Toraja, Sengkang e Lago Tempe
mercoledì 16 agosto Sengkang e Bira
giovedì 17 agosto Bira e Isola Liukkang Loe
venerdì 18 agosto Bira e volo Makkassar/Jakarta
sabato 19 agosto   volo Jakarta – Italia
domenica 20 agosto arrivo in  Italia

estensione LOMBOK
domenica 20 agosto  Senggigi, foresta di Baun Passuk, Tete Batu, Lovok
lunedì 21 agosto Senggigi, Tawun, isole Gili del sud
martedì 22 agosto volo Lombok - Jakarta
mercoledì 23 agosto  volo Jakarta – Italia
giovedì  24 agosto  arrivo in Italia


OPERATIVO VOLI EMIRATES
da MILANO
04 AUG Milano - Dubai  14.05 - 22.10
05 AUG Dubai - Jakarta  04.10 - 15.40  
19 AUG Jakarta - Dubai  17.55 - 22.55  
20 AUG Dubai - Milano  03.45 - 08.25  

VOLI INTERNI GARUDA
05 AUG  Jakarta - Yogyakarta  18.30 - 19.40  
12 AUG  Surabaya - Ujung Pandang  06.10 - 08.45  
18 AUG  Ujung Pandang - Jakarta  20.00 - 21.20
Estensione Lombok 22 AUG Lombok - Jakarta  19.40 - 20.40  

 

Questo itinerario include tre isole dell’Indonesia, molto diverse tra di loro, non solo per quanto riguarda la cultura e il paesaggio, ma anche per il grado di sviluppo raggiunto.  In alcuni luoghi c’è ampia disponibilità di strutture ricettive di tutte le categorie. Tuttavia, in altri luoghi come per esempio  a Sulawesi  o nel Parco  Nazionale del Bromo la scelta delle strutture ricettive la scelta è molto meno ampia e richiede un certo spirito di adattamento. Nella regione dei Toraja  pernotteremo una notte nelle case private dei Toraja dando così un contributo alle popolazioni locali e vivendo un’esperienza autentica.

FORMALITA'
Per i cittadini italiani passaporto individuale valido per almeno 6 mesi dalla data di arrivo nel Paese con 2 pagine libere.  E’ necessario il visto turistico che può essere richiesto direttamente all’entrata nel Paese presso gli appositi sportelli  negli aeroporti. Da giugno 2015 le autorità indonesiane hanno formalizzato l’esenzione dal pagamento del visto d’ingresso ai cittadini italiani che intendono recarsi nel Paese per soggiorni di turismo inferiori ai 30gg. Tuttavia viene richiesto il pagamento di una “tassa di servizio “ ( circa 3-4 euro) da pagarsi in tutti gli aeroporti all’ingresso ed all’uscita di un aeroporto, quindi anche per i voli interni. Facciamo presente che le regole possono cambiare  repentinamente e con assoluta discrezione delle autorità governative locali.
Franchigia bagaglio Emirates: 30 kg + 7 a mano. Consigliamo di viaggiare con borsone morbido e zaino.

VACCINAZIONI e MEDICINE
Nessuna vaccinazione è obbligatoria per questo viaggio e neanche la profilassi almeno per le tre isole visitate. Si consigliano comunque a scopo cautelativo  e valevole per qualsiasi tipo di viaggio le normali vaccinazioni “da viaggio” come antitetanica, antitifica e antiepatite. Per ogni esigenza di carattere sanitario è sempre opportuno consultare il Centro di Medicina dei Viaggi dell’ASL di appartenenza. Si consiglia inoltre di:
- evitare di mangiare verdure crude e frutta non sbucciata
- non bere acqua corrente e non aggiungere ghiaccio nelle bevande
Oltre ai medicinali di uso personale, si consiglia di mettere in valigia: aspirina con vitamina C, disinfettanti intestinali (Bimixim), antidiarroici (tipo Dissenten), antinfluenzali, fazzoletti umidificati, fazzolettini disinfettanti (Citrosil o simili), collirio, cerotti.

COMUNICAZIONI
E’ possibile acquistare all’arrivo in aeroporto  una scheda SIM locale a poco prezzo. In questo modo le chiamate in Italia e in arrivo avranno un costo decisamente minore.  Quasi tutti gli hotel , ma anche molti ristoranti hanno WIFI gratis e quindi  la  connessione internet sarà disponibile.

PREFISSI TELEFONICI
Dall'Italia in Indonesia: comporre il prefisso internazionale 0062 più il prefisso urbano senza 0 (es: per Jakarta è 21) seguito dal numero dell'abbonato.
Dall'Indonesia in Italia: comporre il prefisso 0039 (prefisso per l’Italia) più il prefisso urbano con lo 0 seguito dal numero dell’abbonato. (es. per chiamare Roma 0039-06- numero dell’abbonato).
Telefoni cellulari: la copertura della rete telefonica cellulare, soprattutto nelle città, è buona

FUSO ORARIO
L’Indonesia è attraversata da 3 fusi orari ed è quindi suddivisa in 3 zone orarie. Nel presente itinerario è da tener presente che :
Giava  + 5 ore rispetto all’Italia;
Bali, Lombok, Sulawesi + 6 ore rispetto all’Italia;
Nel periodo in cui vige l'ora solare in Italia si deve aggiungere un’ora in più.

VALUTA
La valuta locale è la rupia indonesiana  (IDR)  con cambio di  1 euro = 14.300 rupie ( gennaio 2017). A Jakarta e nei maggiori centri turistici è possibile cambiare sia USD che Euro ma questo ultimo è ancora poco diffuso nelle zone meno turistiche e più remote del Paese.Le banconote non perfettamente integre e i dollari emessi prima del 2000 non
vengono più né accettati né cambiati.  Il consiglio è di cambiare circa 100 euro a persona all’arrivo o durante il tour, se dovessero avanzare è possibile ricambiarli al rientro.  

CLIMA
Situata all’equatore, l’Indonesia ha un clima caldo umido con temperature medie di
circa 28°C tutto l’anno. Vi sono due stagioni distinte: quella secca che va da aprile ad
ottobre e quella monsonica che va da novembre a marzo con piogge prevalenti in
gennaio e febbraio. La differente altitudine e l’enorme estensione dell’arcipelago influiscono notevolmente sulle  caratteristiche del clima: sopra i 1000 m la temperatura non è mai molto elevata e di notte fa freddo. In genere il clima tende ad essere più caldo e umido di giorno e più temperato la notte.
Isola di Giava. La temperatura media annuale dell’isola oscilla tra i 22° e i 29° C e
l’umidità si aggira introno al 75%, ma le pianure costiere del nord tendono a essere più calde (fino a 34° nella stagione secca) e molto più umide che in qualsiasi altra zona. In genere, la costa meridionale è un po’ più temperata di quella settentrionale e le regioni montuose interne sono decisamente più fresche. La stagione umida va da ottobre alla fine di aprile.
Isola di Sulawesi  e Lombok . Benché le temperature si mantengano relativamente costanti tutto l’anno, nelle zone montane piove spesso tra la  fine novembre e inizio gennaio.  Le temperature diminuiscono considerevolmente via via che si sale dai bassopiani verso le montagne. Lungo la costa oscillano in media tra i 26° C e i 30° C, mentre nelle regioni montuose scendono anche di 5°C.

ABBIGLIAMENTO
Consigliato abbigliamento comodo e preferibilmente di colore chiaro: pantaloni, magliette traspiranti che si asciughino velocemente. Portare con sé un k-way. Per l’escursione sul Bromo serve golf o pile media pesantezza e/o  giacca a vento con pile leggero. Consigliate scarpe da trekking basse o a caviglia alta. Essendo l’Indonesia un paese ancora piuttosto conservatore  dove i valori religiosi, familiari e sociali sono ancora profondamente sentiti è consigliabile adottare un abbigliamento rispettoso delle usanze del paese. Per visitare le moschee è obbligatorio togliere le scarpe, a volte indossare anche una sciarpa sulla testa e non usare gonne corte, pantaloncini o magliette senza maniche. Per la spiaggia è pratico usare  il sarong, che si può acquistare quasi ovunque in Indonesia.   
Altro:  Si consiglia di munirsi di sacco lenzuolo,  di torcia  ed eventualmente binocolo, se ne avete già uno. Utile inoltre i repellenti; molti efficaci anche quelli che si possono acquistare direttamente in Indonesia.

TRASFERIMENTI, TEMPI, DISTANZE E MEZZI DI TRASPORTO
Per i nostri spostamenti utilizzeremo minivan con aria condizionata sulle strade asfaltate, jeep 4WD per i percorsi off road e canoe motorizzate in legno per i tratti fluviali. Gli spostamenti sono parte integrante del viaggio, la nostra guida locale saprà darci i giusti spunti per fotografie e incontri inaspettati.  I voli interni sono effettuati con compagnie locali, la franchigia bagaglio prevista è di 20 kg + 5 kg a mano.  Il costo dell’extra bagaglio è circa di 1 euro per kilo, da confermare e pagare eventualmente in aeroporto. Si raccomanda l’uso di borsoni morbidi di più facile stivaggio e uno zaino da utilizzare durante gli spostamenti a piedi.

CORRENTE ELETTIRICA
Normalmente la tensione è di volt 220. Ci sono tre tipi di prese, ma  il tipo di presa più diffuso è quello  a due fori, come le nostre ma senza il terzo foro centrale della messa a terra. Si consiglia di  portare  adattatore, oppure si può acquistare uno all’arrivo . Consigliate comunque doppie batterie per le attrezzature fotografiche.

FOTOGRAFIA
Faremo il possibile per trovarci nei luoghi giusti con la giusta luce. Per ciò che riguarda l’attrezzatura è necessario portare tutto da casa, è difficile reperire materiale soprattutto al di fuori delle città. Consigliamo batterie e schede di scorta. Molto importante anche munirsi di sacchetti stagni o impermeabili per presenza di pioggia o particolare umidità.

MANCE e CASSA COMUNE    
La mancia non è obbligatoria  ma ben accettata . Si consiglia una mancia per lo staff di circa 40 euro a persona che verrà gestita dal tour leader. Sarà sempre il tour leader a raccogliere, a inizio viaggio, una cassa comune di 50 euro per partecipante: con questa si pagheranno portabagagli dell’hotel,  le guide locali, i barcaioli, camerieri nei ristoranti. Su consiglio della guida si potrà anche usare  la cassa comune  per piccoli acquisti da devolvere ai villaggi che visiteremo (materiale scolastico, donazioni varie ecc..).

 

Giava e Sulawesi INDONESIA tour Partenza: Partenza 04/08

Destinazioni Terra Ferma

Destinazione Partenza Durata Prezzo Dispo
Giava e Sulawesi INDONESIA 04/08/17 - 2.990 € Alta
Destinazione Partenza Durata Prezzo Dispo
selam ERITREA 26/05/17 10 1.860 € Alta
Destinazione Partenza Durata Prezzo Dispo
Valle Omo 27/10/17 11 2.150 € Alta
Destinazione Partenza Durata Prezzo Dispo
UGANDA 26/12/17 13 3.610 € Alta
Destinazione Partenza Durata Prezzo Dispo
ORISSA india dal 26/12 al 7/1 - 2.600 € Alta
Destinazione Partenza Durata Prezzo Dispo
MAROCCO Atlantico dal 23/9 al 3/10 11 1.160 € Alta
MAROCCO colori della storia dal 28/10 al 3/11 - 490 € Alta
Destinazione Partenza Durata Prezzo Dispo
MARSIGLIA Casino Totale 22/04/17 - 150 € Alta
un treno per NIZZA 09/06/17 - 100 € Alta
Destinazione Partenza Durata Prezzo Dispo
festa Likumbi ZAMBIA 17/08/17 - 2.890 € Alta
Destinazione Partenza Durata Prezzo Dispo
UZBEKISTAN ieri e oggi 01/07/17 - 1.990 € Alta
Destinazione Partenza Durata Prezzo Dispo
IRAN profumo antico dal 1 al 14 ottobre - 2.390 € Alta
Destinazione Partenza Durata Prezzo Dispo
EGITTO lungo il Nilo 18/03/18 - 900 € Alta

Esplora, Viaggia e Naviga con Noi